martedì 24 novembre 2015

Ultima puntata ...per ora


Con la breve nevicata di sabato sera 21 novembre 2015, si conclude la fioritura per questa stagione un po' bizzarra.
Ho cominciato a raccogliere i fiori il 15 ottobre e la fioritura è continuata per più di un mese. 
Nonostante un tempo così lungo, le fioriture giornaliere erano scarse. Il picco è stato di 600 fiori a fronte di 5000 bulbi piantati. Forse per un discorso di adattamento dei bulbi al terreno o forse per i vari tipi di bulbi acquistati in varie zone d' Europa.
L' Olanda è quella che ha reso maggiormente, seguita dalla Francia. I bulbi acquistati in Italia, hanno un po' deluso. Ma aspetto la fioritura del prossimo anno per capire bene le dinamiche.
Ogni giorno dopo la raccolta dei fiori ho eseguito la sfioritura e l' essicazione sulla stufa a legna.


Prima dell' essicazione



Dopo l' essicazione

Guardando le due foto si nota molto bene l' effetto dell' essicazione sugli stimmi. Si perde circa il 70% se gli stimmi sono grossi. L' essicazione sulla stufa a legna, mi ha permesso di controllare a vista ma anche al tatto quella che è la fase più importante della coltivazione dello zafferano. Se sbagli qui, è come far uscire la grappa con sentore di bruciato. La devi buttare.
Il profumo è fantastico, l' aroma dolce e il colore un po' più scuro del rosso, sono perfetti. Adesso si passa alla fase del packaging.
Per cominciare ho preferito un contenitore in vetro con tappo in sughero, di piccole dimensioni in modo da farci stare 0,20 gr che è la dose giusta di un risotto per 4 persone. La dose del risotto è circa 60/70 gr a testa. Se aumenta la dose, diminuisce l' intensità del giallo del risotto. Molti mangiano il risotto alla milanese solo perchè piace il giallo. Nelle bustine dei supermercati, ci sono altre che allo zafferano, la curcuma e i coloranti, quindi il risotto verrà sempre giallo. Questo, fatto con stimmi in purezza, ha comunque un ottimo sapore e comunque un buon colore.


Volendo con Photoshop potevo farlo più giallo.
La preparazione della base per il risotto o per qualsiasi altra ricetta con lo zafferano, è molto semplice; trattandosi di zafferano puro in stimmi, non si possono aggiungere direttamente al risotto come si fa con quello in polvere.
Si prende una tazzina del caffè e si riempie a metà con acqua calda o brodo. Per il tiramisù ad esempio si può usare il latte caldo. Si immergono gli stimmi e di tanto in tanto si schiacciano con un cucchiaino in modo che rilascino colore e aroma.
5 minuti prima che il risotto sia pronto, si versa il contenuto della tazzina nella padella e si mescola.
Buon appetito

Se qualcuno è interessato all' acquisto del mio zafferano può contattarmi all' indirizzo: follia15@gmail.com oppure lasciare un commento a questi post.




lunedì 9 novembre 2015

Fioritura

Siamo a ottobre ed i bulbi hanno cominciato a spuntare dalla terra. Con grande sorpresa il 15 ottobre ci siamo trovati con i primi fiori e la cosa ci ha un pò spiazzato perchè  eravamo convinti che fino alla fine del mese non avremmo raccolto niente. Molti bulbi dovevano ancora sbucare dal terreno. Per alcuni giorni 2 o 3 fiori, poi il 25 ottobre la quantità ha iniziato ad aumentare. 11, 22, 44, pensavamo di giocarli al lotto.


In questi giorni di inizio novembre, stiamo raccogliendo i fiori e al termine della fioritura pubblicherò le foto degli stimmi essicati.
Abbiamo piantato 5000 bulbi provenienti da varie zone dell' Italia e dell' Europa. Mi aspettavo un certo numero di fiori ma ad oggi le mie previsioni si stanno dimostrando errate. La causa è da attribuirsi all' adattamento dei bulbi al terreno o forse al clima strano di questo mese di novembre.
Mi sarei aspettato 4 o 5 giorni con fioritura piena o quantomeno 1500/2000 fiori al giorno, invece ne sto raccogliendo da 300 a 500 al giorno. Forse per effetto del clima la fioritura si spalmerà in più giorni. Ma questo lo vedremo nella prossima puntata.

venerdì 28 agosto 2015

Folli per.......lo Zafferano

Eccomi qui dopo qualche mese di inattività a presentarvi la mia nuova follia: Lo Zafferano
Fin da piccoli, ci siamo sempre chiesti come faceva la mamma a far diventare giallo il risotto, pur mettendo una polverina rossa. Adesso lo scopriremo insieme.

Nell 'autunno 2014 ho acquistato alcuni bulbi di zafferano in un negozio di giardinaggio e dopo qualche settimana in un vasetto, sono spuntati dei filamenti verdi dal terriccio. Oggi su internet si trova di tutto e così ho cominciato a documentarmi su questa spezia meravigliosa chiamata anche "Oro Rosso". Nel frattempo, sono spuntati i fiori ed erano così belli che mi dispiaceva toglierli. Poi ho scoperto che per fare il risotto bisognava toglierli al mattino presto e far essicare gli stimmi rossi contenuti nel fiore.
Ora facciamo una semplice operazione matematica:

la bellezza dei fiori +
il profumo della spezia +
il sapore del risotto +
la passione per l' agricoltura +
un pezzetto di terreno +
una motozzappa in soffitta =
-----------------------------------
ZAFFERANETO

Per prima cosa ho cercato un terreno adatto per prepararlo all' impianto dei bulbi che di li ha poco ho acquistato presso alcune aziende italiane ed estere.



Tramite la Coldiretti, ho conosciuto un gruppo di persone appassionate che hanno dato vita ad una associazione chiamata "Zafferano OLG" che si trova a Piazza Brembana in provincia di Bergamo. Un breve corso presso un' azienda che produce zafferano e via, la strada era in discesa. La terra un po' meno e quindi armato di motozappa ho lavorato la terra per prepararla all' impianto che ho effettuato nei primi giorni di agosto.

 

Per la privacy non vi dirò che quella bella signora che ha messo nei solchi 5000 bulbi è mia moglie. 

A metà settembre dovrebbero crescere le foglie.......ma come dicevano nei cartoni animati negli anni 90, lo scopriremo nella prossima puntata....

mercoledì 28 gennaio 2015

Riassunto delle puntate precedenti

Ecco il video del meglio della fantastica stagione del nostro folle amico di Adrara S.Rocco Ugo Piccioli. In 14 minuti troverete le 9 gare in cui Ugo ha vinto titoli e stabilito record italiani con sintesi delle gare, foto, interviste e podi.
Per il Campione di Adrara San Rocco è stata un’annata unica e irripetibile in cui ha ottenuto:

1 titolo di Campione d’Europa sugli 800
4 titoli di Campione d’Italia sugli 800 e 1500
3 Record Italiani sugli 800, 1000 e Miglio
1 Medaglia d’Oro con staffetta  4x400 agli Europei
1 medaglia di Bronzo agli Europei nei 1500

Ugo ha dichiarato di essere ampiamente soddisfatto perchè ha centrato tutti gli obiettivi prefissati e forse anche di più. Ora si sta godendo nel silenzio la gioia e le soddisfazioni dei grandi risultati raggiunti e per quest'anno ha scelto di non fare alcuna gara. In certi casi ci vuole più coraggio a smettere che a continuare. Bella scelta Ugo, un campione nello sport e nella vita.